PRONTUARIO COVID-19

PRONTUARIO COVID-19

23 Giugno 2020 Senza categoria 0

L’Istituto Superiore di Sanità conferma che le temperature di un ambiente climatizzato, con umidità relativa al 50%, sono confortevoli e rendono la vitalità del virus trascurabile. I consigli di MHI sulla corretta gestione degli impianti.

 

Con l’inizio della stagione estiva è sempre più vivace il dibattito sul ruolo degli impianti di climatizzazione nella diffusione del COVID-19.

 

Con un rapporto pubblicato il 25 maggio 2020, l’Istituto Superiore di Sanità ha confermato il ruolo fondamentale che i condizionatori possono svolgere nella lotta contro la propagazione del virus: riducendo il tasso di umidità relativa al 50% la vitalità del virus diventa trascurabile.

 
Anche le associazioni di categoria, in questi mesi, hanno contribuito a far chiarezza attraverso la diffusione di informazioni documentate sul corretto utilizzo degli impianti di climatizzazione. Consigliano di immettere il più possibile aria esterna nei locali chiusi per migliorare il ricambio negli ambienti così da diluire la possibile concentrazione del virus all’interno di locali chiusi.

• ASSOCLIMA consiglia il ricambio d’aria naturale (aprendo le finestre) o tramite ventilazione forzata. Si vada alla pagina dedicata all’argomento.
• AICARR per consentire la riapertura delle attività produttive in sicurezza, ha attivato un gruppo di lavoro di esperti per redigere documenti guida, e nel proprio prontuario precisa che la climatizzazione non contribuisce di per sé alla diffusione del contagio. Occorre tuttavia valutare adeguatamente la tipologia del singolo impianto per adottare le modalità operative più opportune.

Entrambe le associazioni hanno concluso che la ventilazione e la filtrazione fornite dai sistemi di climatizzazione contribuiscono a ridurre la concentrazione di CORONAVIRUS nell’aria, e a controllare l’umidità negli ambienti indoor. Al contrario, spazi non climatizzati né ventilati, possono causare variazioni termiche non controllate e indebolire le difese nei soggetti a più alto rischio d’infezione.

 

Anche MITO, in occasione della prossima accensione dei climatizzatori per il raffrescamento estivo, ha raccolto, in un vademecum, tutte le indicazioni per fare chiarezza su tale tema e per indirizzare i propri clienti e consumatori al corretto utilizzo dei sistemi di climatizzazione.