Acqua Calda Sanitaria

Aria. Acqua. Energia.

Acqua Calda Sanitaria

Offriamo metodi alternativi ai tradizionali impianti a metano per la produzione di acqua calda sanitaria, con un occhio di riguardo alla possibilità di abbassare le bollette in maniera considerevole e allo stesso tempo aumentare la sensazione di benessere, silenziosità e basso impatto ambientale durante l’utilizzo di un bene così importante nella vita quotidiana.

 

 

HOT WATER

 

 

 

 

 

Acqua calda da energia rinnovabile e gratuita. La gamma più completa del mercato. Termal ha scelto ormai da tempo la strada della cura e del rispetto per il nostro pianeta: gli scaldacqua in pompa di calore Termal Hot Water sono infatti efficienti e in grado di produrre acs utilizzando energia rinnovabile aerotermica con notevole risparmio di energia elettrica. La gamma degli scaldacqua Termal Hot Water si caratterizza per l’efficienza e la capacità di scaldare elevate quantità d’acqua fino a 60° C utilizzando la sola pompa di calore e consumando pochissima energia.

HYDROLUTION

La pompa di calore 3 in uno. Raffrescamento, riscaldamento e produzione di ACS. Hydrolution è la pompa di calore aria-acqua progettata da Mitsubishi Heavy Industries per applicazioni di tipo residenziale e terziario. Un sistema completo e moderno in grado di garantire caldo, freddo e produzione di acqua calda sanitaria, con costi energetici ridotti e nel pieno rispetto dell’ambiente. Nessuna emissione di CO2

Q-TON

Pompa di calore a CO2. Acqua calda sanitaria da energia naturale gratuita.
Innovare vuol dire “rinnovabile”. Abbiamo a disposizione una fonte illimitata di calore appena fuori dalla nostra casa. Sfruttiamola!
L’irradiazione solare riscalda il pianeta, e l’aria – anche a bassa temperatura – diventa una fonte di energia rinnovabile. Le pompe di calore sfruttano l’energia inesauribile presente nell’aria, nell’acqua e nel terreno. Ecco perché la Direttiva RES (Renewable Energy Sources) identifica le pompe di calore come sistemi che impiegano energie rinnovabili. L’obiettivo di tale direttiva è il raggiungimento, entro il 2020, del 20% di produzione energetica generata da fonti rinnovabili.